Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Skvortsov Aleksandr Viktorovich
Data di nascita: 11 giugno 1962
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 623 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 307 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione con servizio in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche e religiose per un periodo di 2 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 3 in Ulyanovsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Skvortsov Aleksandr Viktorovich, born 1962, IK No. 3 in Ulyanovsk Region, ul. Osipenko, 22, g. Dimitrovgrad, Ulyanovsk Region, Russia, 433510

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Aleksandr Skvortsov sa in prima persona cosa sia l'azione penale per la fede. Nel 2011 è stato aperto un procedimento penale contro di lui e altri 15 residenti di Taganrog solo perché non avevano smesso di leggere la Bibbia e di frequentare le funzioni. Dopo diversi anni di procedimenti giudiziari, Aleksandr è stato giudicato colpevole e condannato a 5,5 anni di libertà vigilata. Dopo aver scontato questa pena, nel marzo 2021 è stato nuovamente vittima della repressione da parte dei testimoni di Geova in Russia.

Alexander è nato nel 1962 a Taganrog (regione di Rostov). Ha un fratello minore. Le loro madri hanno già 80 anni. In gioventù, Alessandro era impegnato nella ginnastica artistica. Crebbe fino a diventare un uomo laborioso. Gli piace soprattutto lavorare con le mani.

Dopo la scuola, Alexander si è laureato al Polytechnic College, dove ha ricevuto la professione di saldatore e ha lavorato nello stabilimento per molti anni. I dipendenti di lavoro lo rispettavano e lo apprezzavano, considerandolo una persona affidabile e un maestro del suo mestiere.

Nel 1983, Alexander sposò Larisa. Ebbero due figlie, Elena e Daria, che allevarono amorevolmente nello spirito dei valori cristiani. Entrambi sono sposati, il maggiore ha una figlia.

Negli anni '90, quando Alexander cominciò a studiare la Bibbia dopo sua moglie, si interessò alla speranza descritta in questo libro che presto non ci sarebbe stata più ingiustizia nel mondo. Grazie alle conoscenze acquisite, Alessandro ha trovato il vero senso della vita. Nel 1996 Larisa ha intrapreso il cammino cristiano e un anno dopo l'ha raggiunta il marito.

In gioventù, Alexander era appassionato di pesca e scriveva poesie. Ora in pensione, gli piace curare il giardino e fare l'apicoltura, che è diventata la sua cosa preferita. È sempre felice di condividere il miele con amici e familiari. Gli Skvortsov amano viaggiare e, guardando la natura, riflettono sul Creatore.

La nuova perquisizione e l'arresto di Aleksandr sono stati uno shock per tutta la famiglia. Larisa è in cattive condizioni di salute, è ricoverata in un ospedale oncologico. Il fatto che suo marito sia stato gettato dietro le sbarre è diventato un ulteriore stress per lei. I parenti sono preoccupati per il credente, poiché Alexander ha problemi cardiaci.

I vicini e gli amici parlano di Alexander come di una persona eccezionalmente pacifica, sempre pronta ad aiutare. Si chiedono perché le forze dell'ordine abbiano trattato il credente in modo così ingiusto, anche se non ha commesso alcun crimine.

Casi di successo

Alexander Skvortsov è uno dei condannati nel “Caso 16”. Poco dopo che il credente aveva scontato la sua pena, le forze di sicurezza hanno perquisito la sua casa. Sei mesi dopo, nel dicembre 2021, sono state effettuate perquisizioni in 30 residenti di Taganrog. Aleksandr fu portato via per essere interrogato e arrestato. Nel marzo 2022, anche Valeriy Tibiy è diventato imputato in un procedimento penale. È stato mandato in prigione nonostante la sua grave malattia. Il terzo imputato nel caso, Vladimir Moiseyenko, finì in carcere nel luglio dello stesso anno. Gli investigatori hanno accusato tutti e tre di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Il caso è andato in tribunale nel novembre 2022. Durante le udienze, si è scoperto che l’FSB li stava monitorando dal 2016 e l’agente embedded ha registrato conversazioni sulla Bibbia con i credenti. Nel giugno 2023, Skvortsov e Moiseyenko sono stati condannati rispettivamente a 7 e 6 anni di carcere e Tibiy è stato condannato a 6 anni con sospensione condizionale della pena. La corte d’appello, e successivamente la corte di cassazione, hanno confermato questa decisione.