Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Slashchev Valeriy Vladimirovich
Data di nascita: 9 giugno 1981
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.2 (1.1)
Tempo trascorso in prigione: 137 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 294 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni e 4 mesi di reclusione in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 4 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: penal colony No. 14 in Khabarovsk Territory
Indirizzo per la corrispondenza: Slashchev, Valeriy Vladimirovich, born 1981, IK No. 14 in Khabarovsk Territory, sh. Mashinostroiteley, 10, g. Amursk, Khabarovsk Territory, Russia, 682643

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Le forze dell'ordine della regione dell'Amur hanno coinvolto due task force di Blagoveshchensk per perquisire le case dei civili di Tynda. Nel novembre 2019, Valeriy Slashchev è stato indagato con l'accusa di aver organizzato le attività di un'organizzazione estremista.

A proposito dei primi anni della sua vita, Valerij ha detto: "Ho sempre pensato di essere nato a Tynda, ma dicono che sono nato a Blagoveshchensk. All'età di 16 anni ho scoperto di essere stata adottata. Quando avevo 7 anni, mia madre morì, a quel tempo mio padre viveva con un'altra donna. Sono stata cresciuta da mia zia, dalla sorella di mia madre e da suo marito". Da bambino, Valeriy amava collezionare francobolli.

Dopo la scuola, Valeriy si è diplomato alla scuola tecnica ferroviaria con una laurea in costruzione di binari e binari. Ha lavorato come montatore di piste nei villaggi di Mogot, Berkakit, Zolotinka, e in seguito come autista e regolatore del KIP, capo della base del centro automobilistico KAMAZ.

Valeriy conosceva la sua futura moglie Tatyana dai tempi della scuola. Tat'jana lo stava aspettando dall'esercito, sopportava un temperamento esplosivo e frequenti attacchi di aggressione, lo perdonava molto. Si rese conto che ciò era dovuto alla conoscenza che la ragazza aveva tratto dalla Bibbia. Valerij si interessò anche di ricerche spirituali. "Per tre giorni confrontai diverse traduzioni della Bibbia", ricorda, "e mi resi conto che erano le stesse! È così che ho iniziato a interessarmi a questo saggio libro, che può dare una risposta a qualsiasi domanda . . . Fin dall'infanzia avevo paura dei morti, ma la Bibbia mi ha liberato da questa paura. Praticavo la magia, ero terribilmente superstizioso. Ma la Bibbia mi ha liberato da tutti i pregiudizi, le paure e le restrizioni".

Valeriy e Tatyana si sono sposati nel 2003. Gli sposi sono felici di imparare le lingue straniere, amano disegnare, nuotare, fare regali e viaggiare.

Il procedimento penale di Valerij ha influito sulla salute di sua suocera: a causa di preoccupazioni e preoccupazioni, la sua malattia cronica si è aggravata. Anche suo fratello è confuso. Davanti ai suoi occhi, da uomo rude e irascibile, Valerij si è trasformato in un pacifico cristiano, e non capisce perché sia perseguitato.

Casi di successo

Nel 2018, nella città di Tynda, l’agente dell’FSB Nurakov, fingendo interesse per la Bibbia, ha iniziato a frequentare le funzioni dei testimoni di Geova e a raccogliere informazioni su di loro. Nel novembre 2019 è stato avviato un procedimento penale contro Sergey Yuferov, Valery Slashchev, Mikhail Burkov e Vladimir Bukin. Un’ondata di perquisizioni ha avuto luogo in città. Gli uomini sono stati accusati di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista e di esserne coinvolti. Nel giugno 2021, il caso è andato in tribunale. Un anno e mezzo dopo, i credenti sono stati condannati a 6 anni e 2 mesi a 6,5 anni di carcere. Nel dicembre 2022, l’appello ha ribaltato il verdetto e ha rinviato il caso a un nuovo processo, e i credenti sono stati rilasciati dal centro di detenzione preventiva, dove hanno trascorso 2 mesi ciascuno. Nel giugno 2023 sono stati nuovamente condannati a una colonia: Bukin, Slashchev e Yuferov sono stati condannati a 6 anni e 4 mesi ciascuno, mentre Burkov è stato condannato a 6 anni e 2 mesi. Un secondo ricorso nell’agosto 2023 ha confermato questa decisione. Nel maggio 2024 la Corte di Cassazione ha confermato definitivamente la condanna per tutti e quattro i Testimoni di Geova di Tynda.