Aggiornato: 19 giugno 2024
Nome: Volosnikov Sergey Vladimirovich
Data di nascita: 1 gennaio 1977
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: Pena sotto forma di 6 anni e 4 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni e 6 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019 sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei credenti di Surgut. A questo sono seguite percosse e torture di almeno 7 fedeli. Tra gli altri, la tortura è stata denunciata da Sergei Volosnikov. Cosa si sa di lui?

Sergey è nato nel 1977 a Magnitogorsk (regione di Chelyabinsk). Il più giovane di tre figli della famiglia. Da bambino, era attivamente appassionato di sport, frequentava sezioni di calcio, hockey e judo. Quando Sergey aveva 10 anni, la sua famiglia si trasferì a Surgut, dove vive tuttora. Lavora come autista e si diverte a giocare a calcio e a pallavolo con gli amici nei fine settimana. Per più di una dozzina d'anni ha cercato di attenersi ai comandamenti della Bibbia nella sua vita.

Nel 2004, Sergey ha sposato Svetlana, che lavora come impiegata all'università. La coppia sta crescendo il figlio George, amano trascorrere del tempo nella natura.

Sergey cerca di non diffondere nemmeno tra i parenti stretti il caso criminale e la tortura, risparmiando i loro sentimenti. Ma coloro che sono consapevoli di ciò che sta accadendo sono preoccupati e cercano di capire perché i civili sono sottoposti a tali atrocità.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.