Aggiornato: 18 luglio 2024
Nome: Yavushkin Sergey Nikolayevich
Data di nascita: 4 agosto 1960
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.3 (1), 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 699 Giorni Agli arresti domiciliari
Frase: pena sotto forma di 4 anni di reclusione con limitazione del servizio per un periodo di 1 anno; La pena principale sotto forma di reclusione è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 18 luglio 2019 è stato aperto un nuovo procedimento penale nella regione di Kemerovo contro credenti pacifici. Uno di loro, Sergey Yavushkin, era allora agli arresti domiciliari. Per questo motivo, ha perso il lavoro e non ha visto i suoi figli e nipoti per quasi 2 anni. Il tribunale ha esaminato il procedimento penale per più di un anno e nel giugno 2021 ha condannato Yavushkin a 4 anni di reclusione con sospensione condizionale della pena per aver creduto in Geova Dio.

Sergey è nato nel 1960 nella città di Rubtsovsk (Territorio dell'Altaj). Entrambi i genitori non sono più in vita. Ha una sorella maggiore. Da bambino era attivamente coinvolto nello sport, suonava la chitarra. Dopo essersi diplomato, ha ricevuto una formazione tecnica secondaria relativa alla fonderia. Successivamente ha ricevuto la professione di saldatore elettrico e a gas, in cui ha lavorato per più di un decennio.

Nel 1990, Sergey ha sposato Tatyana, che lavora come ostetrica nel Dipartimento di Patologia della Gravidanza. La coppia ha cresciuto un figlio, Alexander, e una figlia, Maria, che hanno già le loro famiglie.

Per molti anni, Sergey ha vissuto nella sua nativa Rubtsovsk, ma nel 2008, per motivi di salute, è stato costretto a trasferirsi a Kemerovo con la sua famiglia.

Quando Sergej aveva circa 30 anni, conobbe la Bibbia e rimase molto colpito dalla praticità e dalla pertinenza dei suoi consigli nonostante la loro antichità. Stranamente, a causa delle sue idee cristiane, Sergej si ritrovò in tribunale come imputato. La sua numerosa famiglia, composta da diverse generazioni, lo sostiene calorosamente nella nuova difficile situazione, e il datore di lavoro di Sergey chiama personalmente l'investigatore e gli chiede di lasciarlo andare al lavoro. Secondo il datore di lavoro, Sergey è il miglior fabbro dell'azienda ed è molto necessario sul posto di lavoro.

Il procedimento penale ha avuto un forte impatto sulla salute di entrambi i coniugi. Sergey è finito in ospedale, dove il braccialetto di tracciamento sulla sua gamba ha reso difficile il lavoro dei medici. Lo sperimentatore non è stato convinto a consentire la rimozione del braccialetto elettronico per facilitare la diagnosi e il trattamento del paziente. Sergey è stato curato nel reparto per pazienti colpiti da ictus. Anche sua moglie è stata costretta a sottoporsi a cure a causa dello stress.

Parlando con la sua ultima parola in tribunale, Sergey Yavushkin ha osservato: "La mia esperienza lavorativa nella professione di saldatore elettrico e a gas è di oltre 35 anni e la durata totale del mio lavoro presso le imprese statali è di 40 anni. Potrei ancora lavorare nello stesso posto, se non fosse per l'arresto e il licenziamento forzato dal mio posto di lavoro.

Casi di successo

Nel gennaio 2018 sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei civili a Kemerovo. Un anno e mezzo dopo, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Sergei Yavushkin e Alexander Bondarchuk. Furono accusati di partecipare alle attività di un’organizzazione estremista e di finanziarla, il cui motivo erano le conversazioni di uomini con le persone su Dio e le adunanze con i compagni di fede. I fedeli sono stati mandati in una struttura di detenzione temporanea per 2 giorni, e poi agli arresti domiciliari, dove hanno trascorso 700 giorni ciascuno. Di conseguenza, Sergey e Alexander persero il lavoro. I loro beni sono stati sequestrati. Mentre si trovava nella struttura di detenzione temporanea, Sergey è stato sottoposto a pressioni psicologiche ed è finito in ospedale per un ictus. Nell’aprile 2020, il caso è andato in tribunale. L’accusa si basava principalmente sulla testimonianza di un testimone che teneva un registro segreto del culto. Nel giugno 2021, il tribunale ha condannato i credenti a 4 anni di libertà vigilata. L’appello e la cassazione hanno confermato il verdetto. Nel settembre 2023, Sergey Yavushkin ha ottenuto la libertà condizionale.