Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Zakharova Aleksandra Konstantinovna
Data di nascita: 1 ottobre 1990
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1.1)

Biografia

Nel settembre 2021 la credente pacifica Aleksandra Zakharova è stata processata come imputata nel caso contro i Testimoni di Geova a Berezovsky.

Aleksandra è nata nell'ottobre del 1990 a Novosibirsk. È cresciuta come una ragazza versatile e curiosa: ha frequentato corsi di coreografia e nuoto, ha frequentato lo studio d'arte e cantato nel coro, e ha anche organizzato vacanze a tema per la famiglia e gli amici.

Da bambina, Aleksandra si chiedeva perché le persone muoiono. Dalla Bibbia ha imparato che la morte è innaturale per una persona e in futuro non lo sarà. Giunse anche alla conclusione che la storia del mondo conferma l'adempimento delle profezie riportate in questo libro. Tutto ciò la spinse a intraprendere il cammino cristiano.

Ad Aleksandra e a suo marito piace andare a teatro e nei musei, viaggiare, incontrare gli amici. Legge molto, ama cucinare, fare regali, ascoltare musica e prendersi cura degli animali.

Il procedimento penale è stato un grande shock per Aleksandra. Ora ogni bussare alla porta la rende profondamente ansiosa. I parenti di un credente considerano ingiusto che una ragazza rispettabile possa essere condannata al carcere per aver letto la Bibbia.

Casi di successo

Nell’ottobre 2020, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Sverdlovsk ha aperto un procedimento penale nei confronti di Konstantin Zotov e Natalia Kochneva della città di Berezovsky. Poco dopo, una serie di perquisizioni ha avuto luogo nelle case di 10 credenti. Nel settembre 2021, l’indagine ha portato altri 5 credenti come imputati: Kristina Gruzdeva, Valentina Kugukov, Alexandra Zakharova e i coniugi Fokin, Stanislav e Marina. A ottobre, è stato aperto un altro procedimento penale contro Zotov. Nel marzo 2022, una nuova versione dell’accusa è stata presentata contro Konstantin: il credente è perseguitato contemporaneamente ai sensi di diversi articoli del codice penale della Federazione Russa.