Aggiornato: 12 luglio 2024
Nome: Zalipayev Yuriy Viktorovich
Data di nascita: 8 ottobre 1962
Stato attuale: assolto
Articolo del Codice Penale Russo: 280 (1)
Frase: оправдательный

Biografia

Yuri Zalipaev è nato nel 1962 a Kuibyshev (oggi Samara). Sette anni dopo, lui e i suoi genitori si trasferirono nella regione di Magadan. Nel 1983 sposò la sua ex compagna di classe Natalia e si trasferì con lei a Maisky (Kabardino-Balkaria). Qui Yuriy ha lavorato come autista, direttore di una scuola sportiva per bambini e saldatore. Appassionato di poesia e aerografia, ama le escursioni.

Nel 1993 Yuri e Natalia hanno iniziato a studiare la Bibbia insieme ai testimoni di Geova, e un anno dopo si sono battezzati come seguaci di questa religione lo stesso giorno. La coppia crebbe i loro tre figli secondo gli insegnamenti e i comandamenti della Bibbia. Tutti, come la nuora, la madre e la sorella di Yuri, divennero anch'essi testimoni di Geova.

Nell'agosto 2017 è stato aperto un procedimento penale contro questa persona pacifica e profondamente religiosa ai sensi della Parte 1 dell'articolo 282 del Codice Penale della Federazione Russa: "incitamento all'odio o all'inimicizia, nonché umiliazione della dignità umana". Rischia fino a 5 anni di carcere. Gli investigatori suggeriscono che Yuri avrebbe invitato pubblicamente i testimoni di Geova a "picchiare gli ortodossi e i musulmani". Questa accusa non solo non corrisponde alla realtà, ma contraddice ogni buon senso, oltre che fatti noti: la rinuncia alla violenza per i Testimoni di Geova è così categorica che decine di migliaia di credenti di questa religione hanno preferito il carcere, e talvolta morte certa, rifiutandosi di prestare servizio nelle forze armate di diversi paesi.

Il 7 ottobre 2020, il giudice del tribunale distrettuale Maysky di Kabardino-Balkaria, Elena Kudryavtseva, ha assolto pienamente Yuriy Zalipaev nel suo procedimento penale. Nel febbraio 2021, l'ufficio del procuratore si è scusato ufficialmente con il credente per il caso erroneamente avviato.

Casi di successo

Ci sono voluti quasi 5 anni a un Testimone di Geova della Kabardino-Balkaria per dimostrare di non essere un estremista. Il procedimento penale è iniziato nel 2016, quando le forze di sicurezza hanno “trovato” materiale proibito nell’edificio della chiesa. Il credente è stato accusato di “incitamento all’odio e all’inimicizia” (in seguito l’articolo è stato depenalizzato) e di “inviti pubblici ad attività estremiste”. Alle udienze presso il tribunale distrettuale di Maisky, si è scoperto che i servizi speciali stavano reclutando falsi testimoni nelle istituzioni educative in cui Zalipaev lavorava. Il pubblico ministero ha chiesto di condannare il credente a 2 anni di carcere, ma il tribunale lo ha assolto. Nel gennaio 2021, la Corte suprema della Kabardino-Balkaria ha approvato questa decisione e nel febbraio 2021 l’ufficio del procuratore ha presentato scuse ufficiali a Zalipaev. Nel luglio 2021, il tribunale della città di Maisky ha deciso di pagare al credente un milione di rubli come risarcimento per danni morali, ma la corte d’appello ha ridotto questo importo a 500.000 rubli.