Aggiornato: 15 luglio 2024
Nome: Zhiltsov Petr Alekseyevich
Data di nascita: 19 agosto 1987
Stato attuale: imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 387 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 346 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni

Biografia

Petr Zhiltsov è stato testimone nel procedimento penale contro Taras Kuzo. Nel luglio 2021 lui stesso è stato arrestato, ha trascorso due giorni in una struttura di detenzione temporanea e quasi un anno agli arresti domiciliari. Nel marzo 2023, il credente è stato condannato a 6 anni di carcere e preso in custodia in aula. Un anno dopo, la corte d'appello ha ribaltato il verdetto, rinviando il caso a un nuovo processo.

Petr è nato nell'agosto del 1987 a Yalta (Crimea). Ha una sorella maggiore. La madre ha lavorato tutta la vita in un cantiere edile ed è già in pensione.

Da bambino, Petr era appassionato di calcio. Dopo la scuola, trovò lavoro in una falegnameria e in seguito lavorò come operaio in una scuola di musica. Fino all'avvio di un procedimento penale, ha lavorato come riparatore presso Yalta Heating Networks. Nel tempo libero ama passeggiare nella foresta e in riva al mare.

Petr credeva in Dio fin dall'infanzia e durante i suoi studi a scuola non riusciva a essere d'accordo con la teoria dell'evoluzione. Egli ricorda: "La prima cosa che mi piacque della Bibbia furono le meravigliose promesse di Dio e le profezie che vidi adempiersi". Quando cominciò a frequentare i testimoni di Geova, notò che si trattavano l'un l'altro con sincero amore. Alle funzioni divine incontrò molti suoi conoscenti che prima conducevano uno stile di vita asociale, ma con l'aiuto della Bibbia riuscirono a cambiare completamente. Questo convinse Petr della validità dei princìpi biblici. All'età di 18 anni decise di diventare testimone di Geova.

A causa di un procedimento penale, la madre di Petr ha perso le cure e il sostegno di suo figlio per molto tempo. Ulteriori responsabilità ricadevano sulle sue spalle, il che minava la salute della donna. I parenti che non condividevano le convinzioni religiose di Petr empatizzavano con il credente.

Nella sua dichiarazione finale in tribunale, Petr ha chiesto: "Sono accusato di continuare attività comuni a tutti i testimoni di Geova. Ma se questa attività è puramente religiosa, allora perché io e i miei amici veniamo perseguitati per questo?"

Casi di successo

Nel marzo 2021, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Taras Kuzio di Yalta, padre di due figli minorenni, sospettandolo di finanziare le attività di un’organizzazione estremista. Dopo una serie di perquisizioni nelle case dei credenti, Kuzo è finito in un centro di detenzione temporanea. Nel luglio dello stesso anno, è stato aperto un procedimento penale contro sua moglie, Daria, così come Pyotr Zhiltsov, Sergey Lyulin e Tadevos Manukyan. In seguito, il caso di Manukyan è stato separato in procedimenti separati. Lyulin ha trascorso più di sei mesi in un centro di detenzione preventiva e poi più di 4 mesi agli arresti domiciliari. Petro Zhiltsov e Taras Kuzio sono stati agli arresti domiciliari rispettivamente per 11 e 16 mesi. Nel marzo 2022, il caso dei credenti è andato in tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto una punizione severa per loro: da 3,5 a 7,5 anni di reclusione in una colonia a regime generale. Nel febbraio 2023, il tribunale ha condannato Taras Kuzio a 6,5 anni di carcere, Petr Zhiltsov a 6 anni e 1 mese in una colonia penale, Sergey Lyulin a 6 anni di carcere e Darya Kuzo a 3 anni di sospensione condizionale della pena.