Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Zhukov Yevgeniy Sergeyevich
Data di nascita: 19 novembre 1969
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 598 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 238 Giorni Agli arresti domiciliari, 257 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con l'esecuzione di una pena in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività educative, attività relative a discorsi e pubblicazioni nei media, collocazione di materiali nelle reti di informazione e telecomunicazione, compreso Internet per un periodo di 7 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 1 in Yaroslavl Region
Indirizzo per la corrispondenza: Zhukov Yevgeniy Sergeyevich, born 1969, IK No. 1 in Yaroslavl Region, ul. Khlebnaya, 12, g. Yaroslavl, Russia, 150036

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

La famiglia di Yevgeny Zhukov è stata improvvisamente privata del sostegno e delle cure di cui aveva bisogno quando questo pacifico credente è stato mandato in prigione nell'ottobre 2020 con l'accusa di attività estremista. Poi ha trascorso più di 7 mesi in un centro di detenzione preventiva e nell'ottobre 2022 il tribunale ha condannato Yevgeniy a 6 anni in una colonia a regime generale solo a causa della sua fede.

Yevgeniy è nato in una famiglia numerosa nel 1969. All'età di 14 anni perse il padre. Da bambino, Evgenij studiò pianoforte in una scuola di musica. Dopo la scuola, si è laureato al college e ha ricevuto la professione di piegatore di tubi navali. Lavorava nello stabilimento di professione.

Dopo aver prestato servizio nell'esercito in Kazakistan, Evgeny è tornato a lavorare nello stabilimento. Durante questo periodo, iniziò a pensare al significato della vita. Poi sua madre gli fece conoscere la Bibbia. Studiando attentamente le Sacre Scritture, ha trovato risposte convincenti alle sue domande, e ancora oggi è sicuro di essere sulla strada cristiana giusta.

Eugene è stato solista in un ensemble vocale e strumentale. In seguito si è ritirato dalla sua carriera musicale, ma ama ancora cantare. Nel tempo libero gli piace ricevere ospiti, uscire nella natura, guidare un ATV. È sempre pronto ad aiutare chi ne ha bisogno.

All'inizio degli anni '90, Evgeny acquisì la specialità di costruttore-finitore. Questo gli ha permesso di prendersi cura di sua madre, sua sorella e suo nipote, che ha cresciuto come se fosse suo figlio. Dopo la morte della madre, Yevgeniy continua a prendersi cura della sorella e del fratello maggiore disabile, che ha perso la moglie nell'estate del 2020.

Gli amici amano Evgeny perché è facile e affidabile con lui. Parenti e amici non capiscono perché quest'uomo pacifico sia finito dietro le sbarre e non vedono l'ora che torni a casa.

Casi di successo

Nell’ottobre 2020, le forze di sicurezza hanno condotto perquisizioni di fedeli a Sebastopoli. Il giorno prima, l’FSB aveva aperto un procedimento penale contro Vladimir Maladyka, Yevgeniy Zhukov e Vladimir Sakada. Furono accusati di organizzare le attività di un’organizzazione estremista solo a motivo della loro fede in Geova Dio. L’accusa si basava sulle registrazioni video di 4 servizi di culto dei Testimoni di Geova fatte da agenti dell’FSB. I credenti hanno trascorso un giorno in una struttura di detenzione temporanea, poi il tribunale li ha mandati in un centro di detenzione preventiva. Nell’aprile 2021, il caso è andato in tribunale. Durante l’udienza, l’ufficiale dell’FSB Dmitry Shevchenko, che ha condotto la sorveglianza dei credenti, ha dichiarato che non c’erano segni di estremismo o incitamento all’odio religioso nelle loro azioni. Durante le indagini e il processo, gli uomini hanno trascorso più di un anno e 4 mesi in un centro di detenzione preventiva e più di 8 mesi agli arresti domiciliari ciascuno. Nell’ottobre 2022, il tribunale li ha condannati a 6 anni di carcere in una colonia a regime generale. Un anno dopo un appello confermò questa decisione.