Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Zotov Konstantin Aleksandrovich
Data di nascita: 22 aprile 1982
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1), 282.3 (1), 33 (3)

Biografia

All'inizio degli anni 2000, Konstantin Zotov ha prestato servizio in zone calde ed è stato attivamente coinvolto in operazioni antiterrorismo in Cecenia e Inguscezia. Tuttavia, oggi è stato equiparato agli estremisti ed è stato accusato di un procedimento penale per aver creduto in Dio.

Konstantin è nato nell'aprile del 1982 nella città montuosa degli Urali di Zlatoust (regione di Chelyabinsk). Ha un fratello minore. Da bambino, Kostya era appassionato di calcio e sci. Dopo la scuola, si è diplomato come meccanico d'auto. Ultimamente lavora nel campo del mantenimento della pulizia e dell'ordine nelle strade della città e lavora come corriere. Nel tempo libero, scrive poesie, legge libri e comunica con gli amici.

Konstantin sentì parlare per la prima volta della Bibbia da bambino da suo padre e sua nonna. Furono toccati dalla logica degli insegnamenti biblici e dall'opportunità di stringere amicizia con Dio. Tuttavia, il ragazzo non si è unito ai suoi parenti, che hanno intrapreso la via cristiana nel 1993. Gli piaceva comunicare con persone che non condividevano alti valori morali. Sviluppò cattive abitudini, e in seguito decise di arruolarsi nell'esercito nel tentativo di combattere.

Prima di partire per Vladikavkaz, Konstantin ebbe una conversazione con i testimoni di Geova. Lo entusiasmò con il ricordo di come Dio aveva risposto alle sue preghiere e lo aveva aiutato. "Decisi che, se fossi tornato vivo, avrei sicuramente ripreso lo studio biblico e avrei messo ordine nella mia vita: avrei smesso di fumare e di prendere altre cattive abitudini per piacere al mio Dio. Ed è esattamente quello che è successo", ricorda il credente.

Nell'Altai, Konstantin incontrò la sua futura moglie Victoria, che condivide i suoi valori spirituali. Nel 2013 si sono sposati e si sono trasferiti nella città di Beryozovsky, nella regione di Sverdlovsk, per prendersi cura della madre malata di Konstantin, che ha il 3° gruppo di disabilità. Victoria lavora come massaggiatrice. Ama cucinare e suonare la chitarra.

L'azione penale ha gravemente compromesso la salute dei coniugi. C'erano già stati molti shock nella vita di Konstantin. All'inizio degli anni '90, banditi armati hanno fatto irruzione nei parenti che si trovavano in visita. Un bambino di 10 anni è stato tenuto in ostaggio sotto la minaccia di una pistola mentre i proprietari stavano cedendo l'appartamento ai predoni. La sua partecipazione alle ostilità, e in seguito il grave incidente, compromettevano gravemente le sue condizioni emotive e fisiche. I genitori di Zotov subirono un altro shock: questa volta a causa di un'accusa ingiusta.

La perquisizione, l'interrogatorio e il procedimento penale distrussero la reputazione di Konstantin come collega buono e reattivo. Sul lavoro, l'atteggiamento nei suoi confronti è cambiato radicalmente: sente freddo e sfiducia nella squadra. Ma Konstantin è sicuro che supererà tutto con l'aiuto di Dio.

Casi di successo

Nell’ottobre 2020, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Sverdlovsk ha aperto un procedimento penale nei confronti di Konstantin Zotov e Natalia Kochneva della città di Berezovsky. Poco dopo, una serie di perquisizioni ha avuto luogo nelle case di 10 credenti. Nel settembre 2021, l’indagine ha portato altri 5 credenti come imputati: Kristina Gruzdeva, Valentina Kugukov, Alexandra Zakharova e i coniugi Fokin, Stanislav e Marina. A ottobre, è stato aperto un altro procedimento penale contro Zotov. Nel marzo 2022, una nuova versione dell’accusa è stata presentata contro Konstantin: il credente è perseguitato contemporaneamente ai sensi di diversi articoli del codice penale della Federazione Russa.